Intervista a Paolo Ciani, Centro Solidale: una novità delle elezioni regionali del Lazio


Nata a poco più di un mese dalle elezioni, Centro Solidale è la lista civica che si è presentata per la prima volta nella tornata regionale del Lazio. Un piccolo successo, quello della formazione, che grazie a 49 mila voti e quasi 6 mila preferenze ottenute dal capolista, ha portato al Consiglio Regionale del Lazio Paolo Ciani. Notizie Italia News lo ha intervistato.

Centro Solidale è tra le novità delle elezioni regionali nel Lazio. Come è nata l’idea di questa lista?

È giusto dire che Centro Solidale è stata la vera novità di questa campagna elettorale e delle elezioni regionali. Una formazione nuova che ha avuto un grandissimo consenso, perché in 45 giorni abbiamo creato una lista che con 49 mila voti ha raggiunto il 2% di preferenze e un 2,5% nella città di Roma. Il 2% nella regione è un risultato importante, è stato lo scarto di voti tra Zingaretti e Parisi. In più, assieme alle 6 mila preferenze che ho avuto come primo degli eletti, possiamo dire che è stato un risultato sul quale in pochi avrebbero sperato alla vigilia delle elezioni.

L’idea della lista è nata a metà gennaio, molto tardi quindi, perché il presidente Zingaretti voleva realizzare una coalizione larga. La Regione Lazio è stato l’unico caso nazionale dove si è riusciti a farlo. Oltre a coinvolgere il Partito Democratico, Liberi e Uguali, Insieme, +Europa e la Lista Civica Zingaretti - quest’ultima l’aveva già appoggiato nella precedente elezione - si voleva creare una lista “realmente” espressione della società civile. La Lista Civica per Zingaretti ha, infatti, al suo interno pezzi di Sel, quindi elementi di un partito più strutturato, oltre che diversi consiglieri uscenti. Centro Solidale è stato percepito e votato dalle persone come la vera novità all'interno del centro sinistra. Noi ci abbiamo creduto e abbiamo vinto la sfida.

Copyright © Paolo Ciani. Designed by OddThemes