Raid fascista al Cinema America di Roma. Visita ai ragazzi aggrediti







“Ho visitato i giovani del Cinema America aggrediti questa notte a Trastevere per esprimere la mia vicinanza e solidarietà. È un episodio molto grave che desta preoccupazione e vergogna. Uno è ferito al sopracciglio, un altro dovrà operarsi al naso a seguito di una testata che ha provocato una frattura, altri due sono riusciti a salvarsi dall’aggressione: Roma non può accettare questa grave violenza. A loro, ai loro cari e a tutti gli amici del Cinema America, va la mia e la nostra vicinanza”. Lo scrive in una nota Paolo Ciani, coordinatore nazionale di Democrazia Solidale-Demos, vicepresidente della Commissione Sanità alla Regione Lazio. “Siamo tutti il @PiccoloAmerica. Dalla parte dei ragazzi del #CinemaAmerica che riempiono di cultura le serate di Roma. Siano al più presto individuati gli squadristi di questa notte. A Roma non si può accettare una violenza così”, ha scritto su Twitter anche il segretario del Pd e presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.
E ieri sera Jeremy Irons, l’attore britannico, ospite della serata, ha introdotto il film ‘Io ballo da Sola’ con indosso quella la stessa maglietta che indossavano i quattro ragazzi di vent’anni che hanno denunciato di essere stati aggrediti, ieri notte a Trastevere, ritenuti ‘antifascisti’ proprio a causa della t-shirt.
Sui social molti hanno postato i loro selfie con la maglia bordeaux, come Edoardo Leo: “Facciamo così. La prossima volta prendetevela con me”, ha scritto l’attore e regista 

Copyright © Paolo Ciani. Designed by OddThemes