Ciani (Demos), da Musumeci pericolosa propaganda (ANSA)

 


ROMA, 23 AGO - "È grave quando le persone che hanno responsabilità istituzionali usano strumenti legislativi solo per fare propaganda. Ancora più grave che il sindaco di una grande città, sulla scia di tanta pericolosa superficialità, lo inviti a guidare 'la rivolta dei siciliani contro Roma', come sembra aver dichiarato il sindaco di Messina". Così Paolo Ciani, coordinatore nazionale di Demos - Democrazia Solidale, commentando l'odierna ordinanza del presidente della Regione Sicilia Musumeci. "A chi è rivolto l'ordine di 'trasferire e ricollocare' i migranti 'fuori dal territorio della regione siciliana'? Poiché non credo - aggiunge - che il presidente Musumeci abbia un delirio di onnipotenza o non conosca le funzioni attribuitegli dalla sua carica, temo che sia consapevole di aver fatto una ordinanza inattuabile, con il solo scopo propagandistico di dire 'caccio tutti i migranti'. Ma la propaganda e la semplificazione è maggiormente pericolosa quando attiene alla vita delle persone: grave in un tempo di pandemia e allarme mondiale indicare in una categoria, i migranti, peraltro gli unici a essere controllati dal punto di vista sanitario, il possibile untore. Grave affrontare con tale superficialità e populismo la vicenda immigrazione - conclude Ciani - soprattutto da parte di chi dovrebbe avere l'onore di guidare la Sicilia e i suoi abitanti che di luoghi comuni e gratuite semplificazioni e esplicito razzismo ne hanno subito abbastanza".

Copyright © Paolo Ciani. Designed by OddThemes