Carcere e riforme, non dimentichiamo il mandato costituzionale

In questi giorni il Parlamento sta
esaminando senza troppo clamore un testo legislativo che merita una certa
attenzione, mentre molti occhi sono puntati sulla riforma della giustizia del ministro Bonafede. Si
tratta dello schema di Decreto Legislativo correttivo del Riordino delle carriere delle Forze di Polizia,
approvato dal Consiglio dei ministri e in queste settimane all’esame delle
Commissioni parlamentari.

In particolare si sta esaminando
anche un riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria che, se approvato,
rischierebbe di cambiare l’organizzazione che ha tenuto in equilibrio per
trent’anni la gestione degli istituti penitenziari e dell’esecuzione della pena
in Italia.

Il punto è che, per valorizzare il
ruolo della Polizia penitenziaria all’interno del carcere, la norma propone di
modificare l’attuale sistema gerarchico su cui si basa l’organizzazione degli
istituti di pena e di dare maggiori poteri ai vertici della Polizia
penitenziaria rispetto ai direttori. Sono questi ultimi oggi a coordinare e
gestire le carceri in Italia: circa 300, si dividono tra istituti di pena e
altri organi direttivi.

Sono figure civili, che dipendono dal
Ministero della Giustizia (Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria) e,
in collaborazione con Polizia e magistratura, si occupano di eseguire quanto
dispone il giudice nei confronti di chi ha commesso reati. Il legislatore ha
affidato ai direttori la guida delle carceri con la legge n. 395 del 1990, nell’idea che la
detenzione non fosse esclusivamente una questione di polizia, ma dovesse
affrontare il complesso processo della rieducazione.

Non è banale ricordare che in Italia,
a differenza di altre parti del mondo, la pena è tesa al recupero della
persona. Lo dice la nostra Costituzione all’articolo 27.

In venti anni di impegno come
volontario nelle carceri ho conosciuto bene questo mondo, di cui oggi mi occupo
da consigliere della Regione Lazio. Ho visto da vicino non solo la difficile
condizione in cui vivono i detenuti, ma anche quella in cui operano le oltre 30
mila unità del personale di Polizia penitenziaria. Conosco bene anche il lavoro
dei direttori nelle carceri, in equilibrio tra necessità di sicurezza sociale e
rispetto delle regole, per cui è importante un ruolo di terzietà tra l’area del
trattamento e l’area di sicurezza.

Ruolo che necessiterebbe anche di un
ricambio generazionale, visto che dal 1997 non si fanno nuovi concorsi, oltre
che di un riconoscimento della funzione speciale che svolge alla guida di
organi complessi. Direi che serve maggior presenza “civile” nel carcere per
dare piena attuazione alla Costituzione: il 70% di recidiva dei nostri detenuti
dimostra come la funzione di “rieducazione” e reinserimento ancora sia
largamente disattesa.

Non credo che il metodo per
affrontare un tema così complesso, che mette sul tavolo giuste rivendicazioni e
note criticità di una parte come dell’altra possa essere quello di una
contrapposizione ideologica. Di questo, il sistema carcere, tutta l’area
dell’esecuzione penale esterna, e chi ci lavora, non ha sicuramente bisogno.
Nel parlare di riforme bisogna partire innanzitutto dal percorso storico e
legislativo che ha portato alle norme oggi in vigore.

A partire dalle indicazioni del
Consiglio d’Europa del 1973, quando si sancì che la responsabilità degli
istituti penitenziari dovesse spettare alle autorità pubbliche, in un contesto
di separazione dalla polizia e dall’esercito. Per passare dalla riforma Gozzini
del 1986, che rivoluzionò l’idea stessa di carcere e del “buttare via le
chiavi” (riemersa in maniera preoccupante in tempi recenti).

Quanto al metodo con cui affrontare
le riforme, voglio anche ricordare il lavoro degli Stati Generali
sull’esecuzione della pena (2015/2016), che aprì una stagione innovativa di
confronto tra i vari attori coinvolti nel mondo del carcere, dalle associazioni
professionali ai volontari. Qualcuno notò che in quella iniziativa mancava la
presenza e l’apporto della polizia penitenziaria. Da questo si potrebbe
ripartire, da un tavolo comune fra personale civile e di polizia.

C’è bisogno di costruire percorsi
condivisi e partecipati perché il carcere non deve essere un sistema chiuso e
isolato. Oggi la norma sembrerebbe frutto della sola concertazione di una
parte. Certo, la polizia è rimasta senza riordino della carriera troppo a
lungo. Però la soluzione non può essere la diminutio di un ruolo “civile” all’interno del carcere.
Affrontiamo le legittime aspirazioni di ciascuno con un percorso condiviso
insieme alle realtà professionali coinvolte. Senza paura di discussioni
faticose, perché perdere di vista la Costituzione sarebbe un danno ancora
peggiore.

Fonte: https://www.huffingtonpost.it/entry/carcere-e-riforme-non-dimentichiamo-il-mandato-costituzionale_it_5dcbe33fe4b0d43931cce4de?fbclid=IwAR1igd4XNaAtvlBVQzcjwdlwgrplsv-Q76wT55JEi1nBrI531xXN7jYsDDk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *